Le società tra avvocati: le proposte A.N.F.

La possibilità di esercitare la professione in forma societaria è oggi prevista dall’art. 4-bis della legge ordinamentale forense n. 247 del 31.12.2012.

L’articolo 4-bis è stato a sua volta introdotto dalla legge annuale per la concorrenza e il mercato approvata lo scorso anno e segue al mancato esercizio, da parte del Governo, della delega contenuta in materia nell’art. 5 della L. 31.12.2012, n. 247, oggi abrogato.

L’Associazione Nazionale Forense ha sempre sostenuto l’idea delle aggregazioni professionali e, tra queste, quella delle società tra avvocati, anche con la presenza, mitigata dagli opportuni accorgimento, del socio di capitale.

Le resistenze sono state tante e tutte incomprensibili.

Fortunatamente, il tema oggi è tra quelli di cui si discuterà a Catania, ad ottobre prossimo, nel corso del XXXIV Congresso Nazionale Forense e muove da una norma di legge vigente e dalla costituzione delle prime società per azioni tra avvocati.

L’A.N.F., dopo la conferenza di Bari del 2017 e il suo congresso di Palermo di quest’anno, presenta la sua proposta sulle società tra avvocati in vista dell’appuntamento catanese del mese prossimo.

Nel corso del consiglio nazionale, tenutosi a Roma il week end scorso, l’A.N.F. ha licenziato la proposta da illustrare all’avvocatura, alla politica e al legislatore…

Le Società tra Avvocati: la proposta A.N.F. per il Congresso Nazionale Forense di Catania 2018